Regolamento

Premessa

Il “Premio per l’investitore sostenibile dell’anno” è stato istituito dal Forum per la Finanza Sostenibile, che ha lanciato e annunciato pubblicamente l’iniziativa il 6 Giugno 2012 nell’ambito della prima Giornata Italiana dell’Investimento Sostenibile e Responsabile.
Obiettivo dell’iniziativa è conferire un riconoscimento ufficiale a chi, tra gli investitori istituzionali italiani, si sarà distinto per l’efficacia e/o l’innovazione di iniziative relative all’integrazione di criteri ESG nel processo di investimento e/o di azionariato attivo.
Tale proposta è inoltre finalizzata a:

 

  • stimolare il mercato istituzionale a fare ulteriori passi avanti nell'adozione di politiche di investimento responsabili;
  • dare un'occasione di visibilità agli investitori che già hanno scelto di integrare strategie di investimento responsabile nella gestione delle risorse finanziarie;
  • creare un motivo di ulteriore interesse nei confronti della Settimana dell'Investimento Sostenibile e Responsabile da parte degli investitori e dei media, nonché un elemento di continuità tra le varie edizioni.

Il Premio

Il riconoscimento si sostanzia nella consegna di una targa in occasione della Giornata conclusiva della Settimana SRI, che - in coerenza con le altre esperienze europee - si tiene ogni anno nel mese di novembre.
Il beneficio garantito al vincitore è pertanto connesso alla visibilità data dalla cerimonia di premiazione, che sarà auspicabilmente un momento seguito da addetti ai lavori, esperti del settore e dai media.

Chi può concorrere?

Le categorie di investitori ammesse a concorrere per l'aggiudicazione del Premio sono:

  1. forme di previdenza complementare;
  2. casse di previdenza professionali;
  3. fondazioni, di qualunque emanazione (bancarie, d'impresa, familiari, di comunità, universitarie);
  4. compagnie di assicurazione;
  5. enti religiosi ed enti non profit;
  6. imprese, ma solo nell'ambito dell'attività di gestione del patrimonio (mobiliare) di competenza.
La giuria, in casi eccezionali dati dalla rilevanza dell'iniziativa intrapresa, ha la facoltà di prevedere eventualmente un premio speciale, da attribuire a soggetti che non ricadano in nessuna delle categorie sopra riportate.
Per l'edizione 2015 saranno prese in considerazione le iniziative che si riferiscono al periodo dal 1 giugno 2014 al 1 giugno 2015.

Tipologie di iniziative ammesse

Gli investitori istituzionali che ricadono in una o più delle categorie sopra menzionate, possono concorrere al Premio per un numero illimitato di iniziative distinte, purché coerenti con il fine di promuovere la e/o farsi carico della propria responsabilità sociale, che ricadano in una delle fattispecie di seguito elencate in ordine di importanza:

  • politiche di investimento (ad esempio, l'affidamento da parte di un fondo pensione di un mandato che integri l'attenzione a fattori ESG);
  • pratiche nell'attività di investimento (ad esempio l'esercizio di attività di engagement o dei diritti di voto o l'adesione a campagne internazionali);
  • progetti ed iniziative collaterali all'attività core [1] (ad esempio progetti formativi rivolti ai propri dipendenti, informazione agli stakeholder (clienti, aderenti...), inerenti il tema dell'investimento sostenibile e responsabile).

[1] Essendo il fine del riconoscimento quello di individuare e premiare pratiche di mercato, sono escluse dalla terza fattispecie le attività di ricerca scientifica (sia di fonte accademica che dell'industry), ovvero la produzione di studi e paper sul tema dell'investimento sostenibile e responsabile.

Candidatura e procedura di selezione

Sono previste due modalità di selezione:

Per ciascuna delle candidature, la Segreteria del FFS sarà investita del compito di redigere un report in cui verranno sintetizzati gli aspetti più rilevanti, individuando e quantificando anche i dati relativi alle metriche individuate come parametri di valutazione del riconoscimento.
I report prodotti saranno poi sottoposti all'attenzione della giuria al fine di produrre una short list che verrà resa pubblica e dalla quale poi, in sede di ultima valutazione, emergerà il vincitore del riconoscimento.


[2] I dati forniti, acquisiti dalla Segreteria del Forum per la Finanza Sostenibile in relazione alla richiesta di candidatura per il Premio per l'Investitore Sostenibile, saranno raccolti e trattati nel rispetto della normativa vigente e con la dovuta riservatezza. Il dati non saranno utilizzati per ulteriore comunicazione e diffusione al di fuori dell'iniziativa suddetta.

Criteri di valutazione

I criteri di valutazione delle iniziative sottoposte all'attenzione della giuria afferiscono essenzialmente a due macro aree: l'impatto generato dall'iniziativa e l'innovatività della stessa.
Per quanto concerne il primo aspetto, è da intendersi sia in termini assoluti (in questo senso la dimensione degli asset interessati dall'iniziativa è una buona proxy dell'impatto), sia relativi, ovvero legato ad esempio, nel caso si trattasse dell'integrazione di fattori ESG nella politica di investimento di un asset owner, all'entità della percentuale dei total asset interessati dall'adozione della nuova politica.
Riguardo il criterio dell'innovatività dell'iniziativa, invece, essa è da intendersi rispetto al contesto, più in generale del Sistema Paese o anche semplicemente in termini relativi rispetto a quanto fatto in precedenza da un asset owner.
In generale, saranno privilegiate le iniziative delle organizzazioni che svolgono l'attività caratteristica in misura prevalente nel territorio nazionale.

web design e sviluppo: studio manolibera | milano